Sunrise. La mia alba.

standard 21 luglio 2012 Leave a response

Allaccio catene virtuali.
Mi sposto furtiva.
Taglio a brandelli pagine del mio recente passato.
Come fuochi fatui luci blu, senza ombre o calore.
Rosso. Rosso fuoco caldo vorrei.
Rosso intenso di sangue e dolore.
Rosso intenso, profondo, al profumo d’amore.

Allaccio catene. Sono sguardi e sorrisi.
Sono viva?
Stringo stretti i pensieri, li osservo.
Mi osservo.
Cammino.

Alle 5 di un qualsiasi sabato mattina mi sono svegliata carica di pensieri. Vorrei avere la capacità di tradurli tutti in poesia, senza ripetermi, senza sentirmi affogare dalle parole prima che sia capace di scriverle. Ma in qualunque modo, in qualunque via io lo faccia, scrivere è il dono più bello che potessi avere.
Perché mi crea la necessità, l’obbligo irrefrenabile, di farlo, anche alle 5 di mattina, dal cellulare, dal mio letto.
Sdraiata sul mondo continuo a guardarvi dal basso. Mi piace questa prospettiva. È da qui che riparto, ogni volta. Guardando la radice delle cose.
Mi riaddormenterò? Ha poca importanza.
La forza, la violenza, il desiderio di scrivere mi fanno sentire così viva che cessa anche il bisogno di dormire.

Quello lo lascio alle anime quiete.

Il mio cuore che batte è impagabile.
La poesia che ne esce cura ogni sonno.
A volte mi chiedo come farei senza tutto questo. Ma non ha importanza, ce l’ho.
Siate invidiosi, scrivere è meraviglioso.
Buon giorno…

Berenice

About

Sono Berry. Donna, mamma, moglie. Scrivo, corro, lavoro, amo. Sorrido sempre e non mi basta mai.

Related Posts

Leave a response

  • Leave a Response

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CONSIGLIA Cacio e pepe