#mercoledì BIANCA NEVE

standard 9 novembre 2016 8 responses

Tiepidi, tra le mani
Purezze, spine, domani.

Bianca Neve
Petalo sfuggente
Ricordi?
C’era il mare chiuso in un vaso.

Lo ascoltavamo in silenzio.

Il suo fragore ridondante, l’odore.
Bianca Neve sciogli il tuo candore.
Confondi il tuo bianco col mare.

Mary Pellegrino, Dafne’s Corner, foto inedite.
Berenice Boncioli, Mirtillo & Lampone, parole inedite.

fiori-1-3

fiori-1-2

fiori-1

#mercoledì INTENSITA’

standard 12 ottobre 2016 6 responses

Io sono il tempo

Tu sei foglia rossa di calore d’autunno

Io scorro incessante

Tu ti trattieni, densa

Io mi lascio spesso vivere

Tu decidi, scegli, ti fai raccogliere.

m4r_7799

m4r_7798

m4r_7816

Ci sono dei #mercoledì magici, quelli con la M maiuscola, in cui lavori, scrivi, progetti, ti innamori.
Non tutti i giorni sono uguali, non da quando ci conosciamo, da quando le nostre vite hanno preso la stessa direzione e si sono scontrate.
In uno di questi folli scambi di idee, parole a vanvera, a volte forti, a volte leggere, abbiamo detto “Si! Facciamolo”. Ed eccoci qua.
Sarà l’ennesimo scambio del web, foto, parole, intuizioni pulite e senza futuro. Sarà l’ennesimo, certo, ma è il nostro. Il nostro modo di comunicare.

Mary Pellegrino, Dafne’s Corner, foto inedite.
Berenice Boncioli, Mirtillo & Lampone, parole inedite.

Tutto questo è il nostro #mercoledì.

m4r_7827

 

FUORI DA OGNI CONVENZIONE.

standard 2 marzo 2015 18 responses

Sono una scrittrice indubbiamente atipica. Penso, cucino, scrivo, invento parole. E poi quasi me ne rimangono poche per me.
Diciamo che aspiro ad esserlo. Vorrei. La corsa dietro alle sensazioni e ai desideri è una corsa che, anche adesso che sono un balenottero, posso permettermi.
Poi ci sono delle cose che vanno ben oltre alla tua immaginazione, a ciò che ti prospettavi. Queste cose sono quelle che rendono la vita straordinariamente BELLA. Ispirazioni/aspirazioni/momenti. Tutto si consuma molto brevemente e allo stesso tempo si amplifica diventando una cassa di risonanza.
Non so quanto tempo avrò per prendermi cura di tutto quello che si prospetta nelle prossime settimane, dovrò chiedere molto a me stessa, produrre qualcosa di innovativo, che quasi non conosco.

Scrivere, scrivere, scrivere.
Respirare, respirare, respirare.
Insistere, coinvolgere, elaborare, cogliere ogni sfumatura che mi lascia la giornata. Ci sono così tanti spunti qui intorno, vanno incanalati nel modo giusto, trascritti, ingegnati e, stavolta, anche programmati.

Mi piacciono le avventure, i passi che seguono altri passi, i dettagli ben definiti e le convenzioni sballate. Soprattutto le convenzioni sballate hanno per me un sapore irrinunciabile. Un po’ provocatorio, sarcastico, sempre sul filo del rasoio. Mi piace creare scompiglio, quello buono, sano, mettere il dubbio, andare avanti con educazione ma senza pensare troppo a ciò che in quella situazione si sarebbe dovuto fare. Non mi interessa. Ebbene si, non mi interessa.

Mi porto l’irriverenza gentile nel taschino, con tutti i miei sorrisi. Anche i sorrisi, infatti, in questa società convenzionale, sanno essere in qualche modo fastidiosi.
E, in questo futuro ormai alle porte, non ho più voglia di vestire nessuna maschera, nessuna di quelle richieste dalla chi amo, da chi cammina con me, da chi vuole la mia felicità.
La mia felicità è NON CORRISPONDERE. Fare cose inaspettate. Dire cose politically uncorrect. Lasciare che i miei occhi parlino di ciò che realmente voglio, senza che lo faccia la mia lingua tagliente.

Quindi adesso non rimane che aspettare, perché l’occasione di mescolarmi con una cosa unconventional l’ho già trovata. E si chiama iFood.

iFood is coming

iFood – infinito amore per il cibo. Un portale di cucina (e non solo) dove i blogger sono i protagonisti…dove si mettono allo scoperto, ci mettono la faccia, si sporcano le mani, il grembiule, le idee. E anche io mi “sporcherò” con loro.

Dall’11 marzo on line…sono (siamo, tutte noi della redazione) molto emozionata, un progetto meraviglioso, coinvolgente, gestito interamente da blogger, del quale farò parte!

Stay tuned!!!!

 

IL SIBILO DI UN TRENO

standard 5 febbraio 2015 27 responses

Passano tanti treni.
La notte soprattutto è come se fossero con noi, nel letto, carichi dei nostri pesanti sogni.
E poi sono treni merci, senza tante comodità, senza veri orari e fermate. Vanno convinti e distruggono il mio sonno, impietosi. Si attaccano vagoni di pensieri, che mi porto come fardello in questi giorni di cambiamento.
Cambio io, cresce la mia pancia, sono più simile ad un elefante che ad un umano.
Cambiano le cose intorno a me. Le pareti delle stanze, gli equilibri degli oggetti, le basi su cui essi poggiano.
Cambiano i desideri le forme del panorama, gli spazi, la luce, i sapori, l’odore di casa.
Cambiano gli occhi del mio amore, diventano più addormentati ma intensi.
Il lavoro, le prospettive, i progetti.
Questi treni merci si inzuppano di cose nuove insomma. Le vecchie non se ne vanno, ti ingannano e rimangono lì, al sicuro, nei ricordi brevi e vicini, mi sembra di non avere la giusta memoria per tutto, ma loro ci sono.
Quello che non cambia è il mio nebuloso cuore. Si è solo intrecciato un attimo in questo ritmo concitato e nuovo, lasciando indietro qualcosa, ma sempre ricco, pieno, ingordo d’amore.
I miei nuovi spazi non definiscono tutto, lasciano le mie idee immutate, le ispirazioni, le inclinazioni.
Prendo la mia carovana di nuovi colori e mi sposto.
Queste righe sono l’inizio del rinnovamento, che passa per l’anagrafe e per sensazionali progetti, per il mio Mirtillo Mancino Movimentato.
Sono righe che si srotolano una dopo l’altra dietro l’ultimo vagone del treno merci, carico, si liberano sui binari e respirano la vita che hanno sempre voluto (ma mai nemmeno osato credere che fosse possibile).

CARICATE I VOSTRI TRENI DI SOGNI E SORRISI, LE VALIGIE DI ISTANTI E DESIDERI (senza spazio per i buchi neri).

Quando non ci penserete più, scoraggiati dalla quotidianità, da uno sbadiglio, da uno stanco risveglio, sentirete il sibilo di un treno.
Acchiappatelo al volo, non c’è tempo per i rimpianti.

Nuove vite sbocciano.

Nuove vite sbocciano.

L’INFINITO (e l’oltre).

standard 14 novembre 2014 14 responses
Quei giorni dove la parola D I S T R A Z I O N E non è sufficiente.
Deficit d’attenzione elevatissimo.
Non so se è la fame, il weekend in arrivo, il calo di interesse verso certe cose e l’aumento vertiginoso verso altre. Forse il tempo che rincorro.
Mi concentro su ogni pensiero ma diventa trasparente, non lo acchiappo.
Che mattonelle scelgo per la cucina?
E Mirtillo come starà lì dentro? Cresce?
Riuscirò a dormire di nuovo senza svegliarmi centomila volte?
Il mio post di oggi sarà all’altezza degli altri?
E l’infinito verso cui mi sono lanciata sarà accogliente?
Con certezza posso dirvi che il posto dove sono stata lo scorso fine settimana era mooolto accogliente. E poi ero lì con alcune Bloggalline moooooooooolto speciali. A parlare di cose che vanno ben oltre l’infinito di cui sopra.
Quelle cose che ti immagini solo nei sogni ad occhi aperti, sdraiata nel letto a fissare il soffitto, che si compone di scritte ad acquerello che poi pufffffff svaniscono.
Il mio soffitto è sempre stato pieno di parole. E adesso sono così concrete che le possono leggere tutti, Mirtillo compreso.
E posso permettermi anche delle piccole distrazioni. Perché questi sogni rimangono lì, ancorati al cielo, sospesi. Incastrati in ogni mattonella, appesi al muro, scivolano sul vaso di fiori, sui rami d’autunno, sulle colline e finiscono tra le mie mani.
“Ma sedendo e mirando, interminati
spazi di là da quella, e sovrumani
silenzi, e profondissima quiete
io nel pensier mi fingo, ove per poco
il cor non si spaura.”
 
Pucci Country House – Ferentillo (TR) – www.puccicountryhouse.it/

 

Con un dito disegno arcobaleni. Mai da sola.
Ogni frammento si unisce e si discosta, come fosse una danza di stormi di uccelli, che riscoprono la primavera.
E io attendo la mia prossima primavera con un desiderio mai avuto prima.
Trotterello verso la prossima avventura, che mi porterà a Como, in uno splendido contesto, ospite dell’evento organizzato da Ventura TOP BLOGGER 2014.
Sapete cosa ho ricevuto? Guardate la foto sotto ^_^
^_^ MIRTILLIIIIIII!!! – Ventura TOP BLOGGER 2014

E ora lasciatemi qui…

“…Così tra questa
immensità s’annega il pensier mio:

 

e il naufragar m’è dolce in questo mare.”

WOR(L)DS#10

standard 2 dicembre 2013 36 responses

Progetto di Scrittura Creativa di Zelda was a Writer

WOR(L)DS #10

Per Camilla e gli abitanti di Wor(l)ds.

 
A volte si ha bisogno di stringere nodi, fiocchi paffuti, morbidi incroci.
A volte si ha bisogno di riempirci gli occhi di lustrini, magici e ruvidi.

Le mie parole scorrono su un nastro, liscio e color pastello.
Riavvolgo il nastro, riascolto la mia voce.
Ascolto il più piccolo frammento di disturbo, che movimenta il sottofondo.
Emergono in superficie suoni alieni, lingue che non conoscevo. Riavvolgo il nastro. Riascolto.
Stringo il nodo, il fiocco è pronto per l’albero.
Perché ho tradotto tutti i dialetti di questi strani mondi diversi, li ho incontrati, manipolati e vissuti.

Queste Parole Creano Dipendenza.
Assuefazione Virtuale e Straniera.
Guardo dondolare ciò che ho appeso, ammaliata, come fosse un amuleto di gioia color arcobaleno.

 
****
 
Inizia Dicembre e un progetto si è chiuso. 
Mi sento un po’ ubriaca, in quel momento in cui si incrociano malinconia ed euforia.
A dire la verità non mi sono mai ubriacata, ma questo è un altro discorso.
Il sapore che sento è un sapore buono, di persone genuine, di sorrisi che nascono dal cuore.
Vedo una Milano nuova, che mi parla di Pop Art e di navigli.
Vedo nuovi abbracci e sguardi, nonostante sciarpe e cappelli a coprire i venti gelidi.
E allora penso.
Penso che oggi sono di poche parole, che non trovo quelle giuste e che forse, a volte, va bene anche non spenderne troppe.
Penso che è una giornata grigissima, ma che certe condivisioni, non si fanno mai coprire dalle nuvole.
 
Gio & Berry – Andy – Wor(l)ds – Worldsiani & Camilla
E siccome oggi sono silenziosa, vi lascio con ciò che ho letto ieri alla mostra di Andy Wahrol:

Non pensare di fare arte, falla e basta. 
Lascia che siano gli altri a decidere se è buona o cattiva,
se gli piace o gli faccia schifo.
Intanto mentre gli altri sono lì a decidere
tu fai ancora più arte.

WOR(L)DS#9

standard 25 novembre 2013 38 responses

Progetto di Scrittura Creativa di Zelda was a Writer



WOR(L)DS #9 

Quell’aereo portava lontano. Pensieri, valigie e illusioni.


Lei, guance calde e soffice intelletto, aveva un amuleto tra le mani, mentre volava sopra Roma, mentre ne percepiva i confini. L’amuleto stretto, colorato, dalle forme sinuose di una matrioska, le dava quel senso di sicurezza necessario, ogni volta che il distacco da terra era reale, non fervidamente immaginato.


Quell’aereo volava lontano. Sospiri, istanti e sorrisi.


Lui, capelli vivaci e sguardo ostinato, aveva un solo desiderio, mentre salutava Roma, mentre rivedeva le foglie gialle raccolte nel cestino della sua bicicletta, un desiderio trasparente e luminoso come un diamante.


Il loro sconosciuto domani si intrecciò, destando i miei occhi con la sua bianca scia, mentre sognavo, sospesa e persa, nell’azzurro cielo di Roma.

***


Trentuno. 
Non è il numero finale di una combinazione segreta.
Nemmeno la temperatura esterna.
Sono gli anni che (anagraficamente) dicono io abbia compiuto ieri.
Non me li sento addosso, così come non voglio sentire questo gelo improvviso sulla città, che mi raffredda il naso anche se sto in casa, mi blocca le ginocchia in bicicletta e mi disturba nonostante gli strati felpati che indosso.
Quindi, dopo questo weekend strapieno, mi tuffo nella nuova settimana cercando di non sentirne il peso, metto in fila gli impegni e i pensieri arruffati e vedo i vostri sorrisi sul mio specchio. I sorrisi delle persone che mi vogliono bene.
Improvvisamente non sento più nemmeno freddo, ma solo un immenso sole che pulsa e irradia la sua luce.
Il regalo migliore sono le persone che continuano a fare il girotondo con te anche se, a volte, gli fai girare un po’ la testa.

Ps: il piddieffe delle composizioni ancora non c’è, appena lo mette on line la nostra Camilla lo pubblico anche io! E forse domenica la conoscerò, speriamo! ^_^

WOR(L)DS#8

standard 18 novembre 2013 28 responses

Progetto di Scrittura Creativa di Zelda was a Writer

 
WOR(L)DS #8 


Abbandono le mie scarpe sul bordo delle scale, ora che la luce arancione invade timidamente la stanza e i miei occhi si abituano all’oscurità.
E sei tu, che spingi l’inchiostro sul foglio, e io scrivo.

La foglia si incrina di un flebile sbaglio
Il colore si perde in infinita clorofilla
Rumori e calpestii commentano il passaggio di indelebili cortei
Di maggiolini e coccinelle rosse.
Variopinto mondo di nature interiori,
Traslucide iridi si gonfiano di rugiada
Acqua riempie il sentire ormai sazio,
Le gole empie si fanno carichi ruscelli.

Comporre note e solfeggi come un lirico amore
Intingere la piuma di un colorato biancore.
Concentrici cerchi si avvitano
Alla ricerca continua, perpetua
Di uno sguardo altrove.


***

Ho fatto sogni affollati.
Sono stati giorni lunghi.
Ho pensato molte cose.
Ho pensato intensamente a molte persone.
Non che sia importante, ma queste parole sono per qualcuno a cui voglio bene. John Keats me le ha ispirate, e a lei le dedico.
Prima che mi sfuggano provo a chiuderle in uno scrigno tutte queste parole, corte o lunghe che siano, perchè oggi le sento scorrere via facilmente. 
E poi…volevo fare gli auguri ad una persona meravigliosa e fuori dall’ordinario, una persona che ha fatto della sua vita sognata una realtà concreta, una che quando la guardi negli occhi vedi amore e purezza, senza malignità, interesse o sotterfugi!


Adesso…sono distratta. 

Devo scappare.
Che la vostra settimana sia piena di carezze.

Ah! Per chi volesse leggere il pdf dei componimenti della scorsa settimana, eccolo qui!

WOR(L)DS#7

standard 11 novembre 2013 48 responses

Progetto di Scrittura Creativa di Zelda was a Writer


WOR(L)DS #7

Il tempo cambia il suo corso, ora che sono qui.
Il molo di un lago.
Mi siedo. Gli assi di legno scricchiolano. Le mie gambe ciondolano come un pendolo. Il loro riflesso è delicato, piccole pieghe increspano l’acqua e le lancette.
Un orologio guida i pensieri, mentre i capelli svolazzano toccando il mio naso freddo. Ogni ticchettio sgretola e crea una successione perpetua di immagini.
Tutto rotola via, tranne il sole.
Mi sdraio sulle assi di legno e lo vedo, chiudo gli occhi ma non si spegne.
Luccica sul lago una macchia nera, ma forse è la mia coscienza. Galleggia e resiste, sotto questi raggi amici.
Chiudo gli occhi di nuovo e allineo ogni quadro al suo posto, in questa pinacoteca fertile di arte permanente.

Quando si cambia ambiente, 
anche lo scorrere del tempo e delle emozioni 
assume improvvisamente una dimensione diversa.
A sud del confine, a ovest del sole – H. Murakami
***
Procediamo a gonfie vele, o così almeno è quello che sembra, ogni lunedì. In realtà il tumulto che mi creano gli stimoli di Camilla non è chiaro nemmeno a me. Lei scrive con una semplicità assurda i suoi post che a me parlano di quanta strada ho da fare ma anche di quanta ne posso davvero fare, se solo ci metto la testa oltre al cuore, in ciò che scrivo.
La passione e l’ispirazione non sono tutto per chi ama scrivere.
La grammatica e la razionalità contano allo stesso modo.
E dunque. Non solo l’amore, nelle parole. Devo cercare di parlare di altro in questi piccoli componimenti. Qui parlo di una cosa che mi fa accendere lo sguardo e l’anima: l’arte. Il modo delicato in cui io la vivo e le emozioni senza luogo e senza tempo che mi crea dentro.
Una specie di smania, un formicolio.
Queste riflessioni vanno oltre, si espandono proprio come quella macchia nel lago, colorando anche altri momenti della mia vita.
L’intensità con la quale viviamo la possiamo regolare noi, non è fuori controllo.
Però cercate di essere quanto più intensi potete.
L’amicizia, il lavoro, le vostre passioni e le vostre intenzioni. Non ci sono motivi per rimanere in superficie, tutto merita di essere studiato, approfondito, amato.
Io l’ho sperimentato e lo sperimento tutti i giorni…ché poi a rimanere freddi c’è tempo, il tempo dell’aldilà.
Vi voglio bene.

WOR(L)DS#6

standard 4 novembre 2013 44 responses

Progetto di Scrittura Creativa di Zelda was a Writer

WOR(L)DS #6 

Le lettere si accavallano, leggere, su uno strato di nuvole.
Escono dal comignolo solitario di quella casa in mezzo alla radura, di cui non ricordo il nome, ma solo la strada per arrivare.
Insieme alle lettere esce l’odore che mescola l’inverno con il sole.
La buccia del mandarino si rapprende, si accartoccia, arriccia i suoi confini arancioni che diventano piano piano più scuri, più duri, lasciando una scia croccante.
Lettere profumate si adagiano in un batuffolo di cotone appeso al cielo.
In questo mondo di ovatta cullo i miei pensieri, ora che passo le mie giornate tra le guglie del Duomo. Vedo Milano e vedo anche la radura, lontana, e la tua foto dai bordi rovinati appesa al muro.
Vedo le mensole impolverate, forbici, cornici, piccoli portafortuna e un salvadanaio. Ogni moneta che ho raccolto è un ricordo che ogni giorno pesco, come elemosina alla mia memoria.


***


E mentre queste parole si perdono e si riacchiappano, in un cumulonembo di lettere accatastate in attesa che qualcuno le sciolga e le riordini, vi lascio il piddieffe della scorsa settimana (e siamo a 5!!), con la promessa che ce ne saranno altri 5!
Questo non è l’unico progetto collettivo a cui aderisco in questo periodo, anche se devo dire che nella loro totale differenza un po’ sono simili. 
Sono due allenamenti, due esercitazioni, entrambi mi usano il mio corpo come mezzo per esprimere qualcosa e entrambi hanno come scopo una continuità successiva al termine dello stesso.
Qui si tratta di trovare le parole. 
Parole (chiave) che chiamano altre parole, associazioni di pensieri.
Nell’altro si tratta di gambe.
Che mi piace correre è cosa nota. Corro e rincorro sempre, tutto. Nella vita, nei fine settimana affollati di cose da fare, di persone da abbracciare e gatti da accarezzare.
E poi corro perchè corro. Ed ecco quindi Firenze Corre, il progetto di allenamento collettivo che fino a giugno riempirà ogni mercoledì le strade della mia città…potevo non partecipare?

Quindi penso…penso alla collettività. A come mi è sempre piaciuto fare le cose insieme, quando con la parola insieme si intende tante cose, tante persone, tante presenze. Non sono uno spirito che tende alla solitudine e questo, a mio avviso, è un valore aggiunto.
Rinchiudersi in un piccolo mondo solitario può far bene, a piccole dosi, ma la vita è affollata, fluente, ricca.
Non lasciatevi mai assorbire dall’apatia della solitudine.
Qui c’è un mondo di sorrisi e intrecci indissolubili, per tutti.

Benevento, Museo del Sannio, Chiostro di Santa Sofia – novembre 2013
CONSIGLIA Flauti alle mele